CENTRO ANTIFUMO
TEST DIPENDENZA
TEST MOTIVAZIONALE
LA COMMUNITY
Cigaretteless
Sigaretta elettronica
Home>lo sapevi che>Le sigarette elettroniche sono davvero una valida alternativa?

LE SIGARETTE ELETTRONICHE SONO DAVVERO UNA VALIDA ALTERNATIVA?

Uno dei metodi più diffusi per smettere di fumare su cui fare chiarezza.

Inventate in Cina nel 2003 e sbarcate velocemente nei mercati ad alto reddito, nel 2010 hanno letteralmente conquistato il mercato italiano: stiamo parlando delle sigarette elettroniche, dette anche e-cig, proposte come una soluzione per imitare la gestualità del fumo e l’inalazione della nicotina della classica sigaretta1.

Un fenomeno dirompente che non accenna ad arrestarsi e la cui diffusione, secondo alcune ricerche, nel 2023 supererà il consumo di sigarette tradizionali: la maggior parte degli utilizzatori di e-cig, infatti, sono ex-fumatori o attuali tabagisti, che scelgono questa come la soluzione per dire addio alla sigaretta1.

O almeno per provarci.

La sigaretta elettronica è davvero un’alternativa per smettere di fumare?

Secondo un’indagine DOXA, condotta su soggetti fumatori e consumatori di sigaretta elettronica, sembrerebbe di no. Poco più del 10% del campione intervistato durante la ricerca, infatti, conferma di aver detto addio alle sigarette, mentre oltre il 67% ha continuato a fumare, diminuendo però la quantità. Il 22,1%, tuttavia, dichiara di non aver modificato le proprie abitudini, aggiungendo alle sigarette consumate solitamente anche l’uso della sigaretta elettronica e quindi, aumentando il vizio1.

Un fenomeno non solo consolidato tra i tabagisti accaniti, ma accentuato anche tra i ragazzi. Secondo alcuni studi condotti a livello internazionale su un target giovane, infatti, le sigarette elettroniche non aiuterebbero affatto a smettere di fumare. Analizzando una survey eseguita negli USA, le sigarette elettroniche tra i giovani non solo godono di un’immagine moderna e accessibile, risultando invitanti, ma vengono anche percepite come una possibile porta d’accesso al mondo del fumo1.

Un modo per iniziare a fumare, dunque, confermato anche da un’altra ricerca effettuata in Polonia: all’interno di un campione di studenti tra i 15 ed i 24 anni sottoposti ad un’intervista, il 3,2% dei soggetti non fumatori, ha dichiarato di aver provato almeno una volta la sigaretta elettronica1.
Accanto a chi inizia a fumare, c’è anche chi si rivolge alle sigarette elettroniche per ridurre i rischi della “bionda”: un fenomeno, quello di sostituire anche solo parzialmente le sigarette tradizionali con quelle elettroniche che, se da un lato può significare un miglioramento della salute – grazie all’assenza di combustione del tabacco – dall’altro non ha ancora mostrato i suoi effetti in modo chiaro. Il mondo delle e-cig, infatti, è ancora troppo recente per conoscere con certezza i possibili effetti collaterali a medio e lungo termine1.

Senza considerare che affidarsi alle e-cig sembra essere una soluzione davvero poco efficace per dire definitivamente addio al fumo: le evidenze raccolte sul campo, infatti, mostrano come fumare la sigaretta elettronica inibisca l’abbandono del vizio, continuando ad alimentare la dipendenza da nicotina1.

La sigaretta elettronica non è così sicura: ecco alcuni possibili rischi

Oltre alla valutazione in corso sull’efficacia della sigaretta elettronica come strumento per dire addio al tabacco, è importante anche considerare gli impatti della e-cig sulla salute del fumatore.
Ecco una serie di possibili patologie connesse con l’utilizzo di sigarette elettroniche:

  1. Ingerimento liquidi e overdose
    Le sigarette elettroniche non sono esenti da rischi di fabbricazione: una perdita di liquido o un malfunzionamento dell’oggetto potrebbero causare un’assunzione elevata e scorretta di nicotina, provocando anche overdose non intenzionali1.
  2. Irritazione vie respiratorie
    I liquidi contenuti all’interno delle e-cig sono composti anche da ingredienti tossici, come formaldeide, nichel, cromo, piombo: il loro aerosol, può provocare reazioni allergiche e irritazioni anche gravi alle vie respiratorie, soprattutto se l’inalazione di queste sostanze è prolungata nel tempo1.
  3. Fumo passivo
    Anche le sigarette elettroniche espongono le persone a contatto con un fumatore, agli effetti nocivi del fumo passivo: il vapore esalato, infatti, contiene nicotina e altre sostanze pericolose e cancerogene che, soprattutto in ambienti chiusi, risultano dannose per l’organismo1.

In sintesi: nessuno è ancora in grado di stimare con certezza gli effetti provocati dall’utilizzo continuato della sigaretta elettronica, ma quello che sembra emergere è che le e-cig rendano molto difficile smettere, continuando ad alimentare nel consumatore il vizio e l’assunzione di nicotina1.

Se volete smettere di fumare, affidatevi ad un medico: fatevi consigliare il percorso più adatto a voi e, se serve, un trattamento farmacologico di supporto. È tutto quello di cui avete bisogno per dire addio al tabagismo e ritrovare il benessere.

 

Bibliografia:
1 Rapporti ISTISAN. Sigaretta elettronica: conoscenze disponibili e azioni di sanità pubblica., Istituto Superiore di Sanità, R. Pacifici e R. Draisci, 2013.

PP-CHM-ITA-0087